Sabato 19/09/2020 ore 15:13:20 Disclaimer

"Bull Market Ferito al Close di Maggio" logo fabiolongo.com


29 May, 2015 - 18:10

Non tanto per l'accelerazione ribassista al close con chiusura black marubozu, ma questa seduta Euro non è stata affatto bella. La mattinata lasciava sperare in una andamento positivo e l'attacco a 23800 aveva dato luce in un clima di sfiducia, fomentato dai media sul "end of Bull Market cinese", dopo lo storno violento di questi giorni. A noi se il mercato cinese piegasse farebbe piacere sia per il disprezzo verso la cultura Cinese (la più grande minaccia al pianeta terra) sia perchè sarebbe un'occasione di ingresso proprio sul quel mercato, che nel tempo diventerà uno dei più importanti mercati se non addirittura il primo, per valore, volumi e crescita. Fatto stà che nel pomeriggio l'USA, che da tempo è in fase distributiva, non supporta scenari di rebound, il nostro FTSE/MIB piega pure lui, perde un importante livello orario, degenera in asta di chiusura con un close a -1%. La picture è aggravata da un close mensile su BB+ (mensile), da un pattern daily della famiglia degli "abrupt", tipo engulfing,  anche se alla fine non ravvisiamo troppe problematiche al toro, ancora forte, sia per aspetti di pricing e timing sia di "sostanza" in termini di QE, GREXIT, ed altro di fondamentale. Certamente il bull market di breve termine sembra rovinato, e solo la riscossa americana da qui al close oltre che il rebound del crude (che in questi giorni davano per spacciato) potrà supportare uno scenario diverso dal bear market all'open di lunedì. Let's cross the finger.
Per il trading oggi subiamo "grossa botta" sulle commodity, con il Gas; nel pomeriggio siamo stati molto combattuti sull'acquisto da compiere, perchè siamo di approccio long oltre che di strategia di partecipazione long ma lo scenario non è di "momentum". Le nostre priorità sul weekly erano queste, in ordine :
  1. ETF Panafrica in area 9.2/9
  2. ETF China Enterprise HSCEI (Lyxor) in area 170/160
  3. E.ON in area 13 o SNAM in area 4.5/4 o TerniEnergia in area 1.7 
  4. Philip Morris in area 82/80
Diciamo che Snam l'avevamo già acquistata e TerniEnergia non ci andava di preferirla ad E.ON che era in area 13.4. Allora abbiamo scelto ETF PANAFRICA che oltre ad essere la prima è titolo buono per diversificazione geografica e settoriale visto che di energia ne abbiamo a vagonate con ENI, Gas, SNAM e obbligazione e Venezuelana. Certamente "ce rode er culo 'na cifra" per come sono andate le cose con il certificato x7 FTSE/MIB, ma abbiamo gli short a  -62% e -85% di PMC, quindi in un certo senso buttare al vento 20 pezzi long non sarebbe nemmeno una grande sconfitta.
 
www.fabiolongo.com - P.IVA 13200411000