Sabato 27/02/2021 ore 10:43:48 Disclaimer

"Seduta top S9T FTSE/MIB" logo fabiolongo.com

 

11 October, 2016 - 18:19

Prima del commento sulla seduta vogliamo soffermarci sugli strategist, figure di altissimo livello professionale presenti in strutture finanziarie così come in aziende di informatica e spesso, a parte rare eccezioni, sinonimi di raccomandati e teste di cazzo che mangiano stipendi mediamente molto alti a discapito della forza lavoro che fornisce la marginalità per sostenere i loro costi. Noi ne sappiamo qualcosa sia sul lavoro sia sull'ambito finanziario, ed il termine ormai ci provoca una vera "allergia" con manifestazioni di intolleranza totale. Che il mercato americano fosse in trend di iper-quotato, fuori banali parametri di P/E ed anche di utili aziendali difficilmente ancora in crescita per il 2017,  lo andavamo dicendo da mesi, confermando anche che il 2193 fatto il 15 agosto potesse essere il massimo dell'anno in quanto l'indice aveva baciato una fan su un level numerologico, mica un media mobile del cazzo. Non ci meraviglia non solo la mediocrità dell'articolo, davvero povero, ma anche che questo venga pubblicizzato da altri coglioni, quelli di Yahoo Finance, proprio quando i mercato iniziano a scendere; in genere trattiamo in modalità contrarian il newsflow Yahoo Finance, anche se nello specifico non pensiamo che l'indice farà nuovi massimi storici nel breve periodo, quindi sono venuti con 2 mesi di ritardo ma probabilmente è così. Diciamo che sarebbe mancata una dichiarazione di Padoan sulla "buon salute del mercato americano" per farci mettere short di peso ad Agosto, anche se avevamo comprato pezzature short ancora in essere ed in profit rispetto a quei livelli, ma non abbiamo avuto questo piacere in quanto il gatto nero era impegnato a dire mensogne su altro (solidità delle banche italiane ed a promuovere il fondo Atlante...)
Venendo alla borsa ci aspettavamo di più dal mercato con uno ZEW che fondamentalmente spacca a rialzo ma che non è sufficiente per avviare un turbo agli indici euro, sempre compressi sotto le quote numerologiche (DAX e FTSE/MIB) e con uno pseudo-spike-up nemmeno capace di testare la BB+ daily. Il dato infatti è stato "aggredito" da dichiarazioni negative di allerta sulle condizione macro dello scenario europeo, con obiettiva serietà. Dal punto di vista tecnico il bull pattern di breve periodo, mai esploso ma sempre attivo, non si è cancellato nella seduta odierna, ovvero tecnicamente c'è ancora la possibilità di un allungo a rialzo, ma oggi c'è una fase di top S9T sul nostro indice e poi domani e dopo domani ci saranno altri EVENTI di TIMING che troverete sulla time chart e che ci suggeriscono molta prudenza sul'operatività long. Registriamo infine un rialzo dello spread ITA-GER e la possibilità di un segnale short su Crude dopo che ieri GOLD aveva dato segnato un bullish reversal pattern, quattro fatti della serie "nubi all'orizzonte sull'equity".
Andando al trading oggi alle 11:00 (ZEW) abbiamo deciso di mantnere tutti i long che non stavano dando frutti, ma di incrementare leggermente ORO pur senza operare a mezzo bombardone come scrivevamo stamattina sull'operatività. Abbiamo poi venduto i turbolong FTSE/MIB sul pareggio quando il mercato ha perso area 16550, anche se potremmo addirittura ricomprarli in caso il mercato dimostri forza, ma non credo che saremo in questo scenario a meno di close USA e Crude in netto recovery. Infine abbiamo atteso un ribasso/consolidamento di Gazprom, per entrare sul titolo, come da precedenti segnalazioni, consolidamento che non c'è stato e che potrebbe portarlo a perdere anche un 10%, quindi era cosa sbagliata entrare oggi pur aumentando hedging su Crude. Pensiamo che sarà un grande cavallo di battaglia, come è stato ed è l'ETF RUSSIA, ma quando si opera si deve cercare anche il timing ed adesso c'è segnale di ipercomprato. Chiusura di PTF a +0.08%, much better di qualsiasi asset class ed indice, grazie a short di hedging, tenuta di titoli in PTF, e leggero rialzo dell'oro incluse le nuove pezzature di stamattina.
www.fabiolongo.com - P.IVA 13200411000