Giovedi 13/12/2018 ore 09:44:35 Disclaimer

Ansia da Posizione

In questo articolo: Corso di Borsa Aspetti psicologici del trading e di operatività sui mercati finanziari quali l'ansia da Posizione

INDICE CORSO DI BORSA     TRADING WAYS

 

La pubblicità ci consente di portare avanti il sito senza metterci del nostro e mantenendo quella totale autonomia ed indipendenza che ci ha sempre contraddistinto ...

 

L'ansia è una sensazione di forte disagio psicologico, dolorosa, che ha origine dagli aspetti più razionali dell'individuo motivato dell'istinto di sopravvivenza, dal desiderio di vita, dall'evitare la morte, dal desiderio di migliorare il proprio stato. In questa accezione, è mio parere che l'ansia sia un sentimento fortemente positivo perchè ispirato "alla vita". Del resto chi non si preoccupa di nulla e delle conseguenze di una scelta o di una dinamica in atto non è forse da considerare come una persona "poco affidabile", un superficiale ?

Putroppo il lato negativo dell'ansia si concretizza in due grandi problemi:

  • il dolore
  • la negatività sulle capacità operative e cognitive.

Questi aspetti fanno dell'ansia il peggior nemico del trading, per chi è predisposto come soggetto ansioso. Vediamo perchè.

L'ansia da posizione, ovvero quella derivata dal rischio di aver investito del denaro su uno strumento finanziario (sia long sia short), è manifestata da una serie di dubbi che sopraggiungono solitamente dopo aver fatto la scelta di investimento. Prima ci si crede, anche coscienti di un potenziale esito negativo. Poi si osserva invece un incremento della negatività ed il presentarsi di una serie di dubbi di carattere tecnico, quindi intrinseco alla questione in essere, dunque valutazioni razionali. Poi sopraggiungono considerazioni legate al senso del denaro, alla propria posizione finanziaria, in genere alle vicende personali del trading che come noto possono anche aver distrutto famiglie fino anche a portare arrivare al suicidio.

Quando un trader si pone in questo stato la sua capacità cognitiva distorce la realtà, ma non in senso ottimista e "battagliero" come quando per "ostinazione" non si chiude una posizione fallimentare. La distorzione della realtà avviene comunque in modo negativo. Ciò ovviamente non va bene perchè è regalare un successo al nulla.

Inoltre anche lo stato psicologico negativo rallenta le capacità operative, quelle decisionali e non per ultimo intuitive. Questo si traduce anche in cattivo trading su altre posizioni ed opportunità.

Il tutto chiaramente deve essere percepito da chi opera e regolato con un processo di self-control a mio avviso basato su questo processo. Ci si domanda: si riesce a tornare nella normalità ? Se la risposta è sì allora di prosegue. Il sì potrebbe essere originato da un rivalutazione degli elementi razionali che hanno originato l'ansia, cosa che che addirittura potrebbe far decidere a favore dell'abbandono della posizione. Il no invece dovrebbe forzare immediatamente una uscita dalla posizione perchè se si fosse in preda ai dubbi l'operato potrebbe tradursi in negativo e non per ultimo la vita perderebbe di qualità.

L'ansia è quindi un nemico da evitare: molto spesso chi è predisposto a buttare il denaro raggiunge dei grandi successi. Prima di un grande evento positivo nelle dinamiche finanziarie si esasperano una serie di dinamiche contrarie al movimento successivo, e in quelle circostanze sembra davvero di gettare denaro. Esempi come Alitalia prima del 2008 od Unicredit dopo il 2009, che registrarono decrementi feroci ed incrementi 3 digit in pochi giorni/mesi sono quei casi in cui sembra che i soldi possano "andar buttati dalla finestra" ed un atteggiamento ansioso non lo approverebbe sicuramente. C'è anche da considerare questo, come concetto a sfavore dell'ansia: l'ansia e la ragione purtroppo non vanno d'accordo con la borsa.


Roma, Marzo 2008
Content Update Gennaio 2013
Format Update Agosto 2013
Fabio Longo

www.fabiolongo.com - P.IVA 13200411000