Mercoledi 19/12/2018 ore 04:39:33 Disclaimer

L'acquisto sulla debolezza con un metodo misto Elliott-AT

In questo articolo: Tattica Acquisto sulla Debolezza con metodi basati su info tecniche e metafisiche di andamento dei prezzi

INDICE CORSO DI BORSA     TRADING WAYS

 

La pubblicità ci consente di portare avanti il sito senza metterci del nostro e mantenendo quella totale autonomia ed indipendenza che ci ha sempre contraddistinto ...

 

Questo documento risale al 2007 ed espone un metodo di acquisto sulla debolezza di uno strumento finanziario basato su considerazioni miste fra analisi tecnica "occidentale" e teoria metafisica di Fibonacci/Elliott. E' una modalità tattica di acquisto chedovrebbe essere aplicata solo nei periodi di trend bull del mercato, esistendo infatti i razionali per un proseguimento dei corsirialzisti.

Come pre-requisito è necessario conoscere la teoria di Elliott, di cui esiste una sintetica introduzione a questo link Teoria di Elliott, aver provato l'applicazione nella realtà (per sperimentarne limiti, difficoltà, fallimenti), e conoscere i più elementari principi della analisi tecnica grafica. Premetto che la teoria di Elliott è complessa e di difficile applicazione e non rappresenta affatto un teoria su cuibasare la propria operatività almeno nei mercati finanziari moderni, pur se in alcuni casi si può "rabbrividire" di fronte ad alcune circostanze predittive/evolutive impressionanti per la loro esattezza.

L'acquisto sulla debolezza è generalmente sconsigliabile, ma si sa che solo chi osa riesce poi a cogliere i frutti migliori, perchè evidentemente riesce ad entrare ad un prezzo migliore di quelli che si hanno quando i corsi di prezzo iniziano a diventare evidenti ed affidabili nel trend positivo, cosa che peraltro attiva una serie di circostanze scoraggianti l'acquisto del prodotto stesso.

Secondo la teoria un titolo si dovrebbe muovere secondo queste proporzioni, ovvero dopo il primo ritracciamento che termina con onda 2, il titolo dovrebbe spingersi ad un secondo massimo (onda 3) per poi ripiegare secondo 4 possibili livelli di ritracciamento derivati dalla serie di Fibonacci (38.2%, 50%, 61.8% e 100%) della variazione che inizia fra il minimo di onda 2 ed il massimo di onda 3.

livello di acquisto elliott

L'acquisto sulla debolezza in fase di onda 4 dovrebbe tentarsi al 38.2% oppure al 50% oppure al 61.8% di retrace. Per essere prudenti si dovrebbe osare solo al 61.8%, ma sovente, come previsto dalla teoria, nemmeno questo terzo baluardo riesce a resistere, provocando un arretramento del 100% del corso dei prezzi rispetto ad onda 3 e definendo un doppio minimo, circostanza che viene indicata da Elliott come ultimo baluardo per la prosecuzione impulsiva e dagli amanti delle AT grafica come livello su cui tentare un ingresso per un potenziale rimbalzo. L'AT racconta che qui potrebbe scatenarsi nuovamente la stessa forza di acquisto che si è manifestata in onda 3, al primo minimo, sopraffacendo i venditori/shortatori.

Su questo personalmente ho dei dubbi: nelle realtà le cose spesso vanno peggio, e non di rado: il titolo rompe il livello di doppio minimo e continua a scendere, annulando simultaneamente il pattern Elliottiano e quello di AT grafica. Ma qui, contro ogni teoria, dopo qualche tempo possono riprendere i corsi rialzisti e magari per chi ha "stoppato" il titolo si ha una grossa delusione visto che i prezzi tornano poi sopra il proprio valore di acquisto. La classica beffa.

Un'analisi maggiormente tollerante, ovvero che prenda a riferimento onda 0-3 come onda 1 (una scala più grande), suggerisce invece che il retrace da considerare dovrebbe essere quello di H2 e non quello di D2, quindi non impone un ritracciamento contenuto dal minimo di onda 2.

Poichè vale la formula indicata in figura, il retrace naturale di onda 1 "grande" dovrebbe terminare a 61.8% di H2 (non D2), ovvero "magicamente" al 61.8% di H1. Se onda 2 ha ritracciato sopra questo limite, come nella figura seguente (come per ogni retrace naturale), sia ha una zona di ampio livello di acquisto che va dal 61.8% di D2 al 61.8% di H1, fa i quali cade il minimo di onda 2, quindi il livello di doppio minimo. Questi possono essere i 3 livelli di acquisto-accumulo del titolo: il primo metafisico, il secondo di AT, il terzo ancora metafisico.

livello di acquisto maggiormente tollerante

Come caso particolare se invece onda 2 si è fermata più sotto del 50%, ovvero fra il 50% ed il 61.8%, si ha proprio una dinamica di doppio minimo. Nella figura seguente ho disegnato il caso peggiore che porta alla "magica" coincidenza di doppio minimo e retrace naturale di onda 1 in scala grande.

livello di acquisto massima tolleranza

La conclusione è che si può definire una zona di debolezza data dai livelli su indicati (zona a barre arancioni) su cui tentare 3 acquisti-accumuli, evidentemente con una strategia che suddivida il capitale destinato all'operazioni in 3 o più parti da dedicare all'acquisito secondo opportune tranche di capitale. Certamente tali considerazioni vanno sposate con quelle sui volumi, sui fondamentali del titolo, su indicatori di momento, sulle dinamiche manipolative del mercato e così via.

A gennaio del 2013 occorre comunque osservare che queste stesse considerazioni, di valore negli anni passato, hannoperso notevolemnte il grado di affidabilità in quanto i livelli indicati (Fibonacci, AT) sono spesso utilizzatidai trader e quindi ottimi per eseguire manipolazioni sul corso del titolo, su finte rialziste quali rimbalzi e ricoperture.In definiti questo metodo, valente prima del 2007, ha perso oggi valore di tipo predittivo e quindi operativo.


Roma, Settembre 2007
Content Update Gennaio 2013
Format Update Agosto 2013
Fabio Longo

www.fabiolongo.com - P.IVA 13200411000