Martedi 10/12/2019 ore 10:00:06
Home Corso di Borsa Trade Blog Libro Trading Ways Trading Utility Market Forecast Disclaimer

 

"L'Italia non spacca, riparto da 0"

 

November, 2010


L'Italia non spacca, riparto da 0

04 November, 2010

Sono state 24 ore importanti, che ho vissuto real-time anche per via di seri impegni di lavoro di tipo creativo che mi hanno confinato agli "arresti domiciliari" per una maggiore concentrazione e libertà (di fumare), e quindi ho potuto usufruire del push Sella sul PC di casa. Con un bel monitor Wide Screen alzando la testa ogni minuto è stata una giornata "piacevole".

 

Dopo la buona notizia di ieri mi sarei aspettato un open maggiormente convinto, e comunque nella giornata volevo e vedevo la rottura di questi benedetti massimi in area 20600/700 che da tante settimane resistono e hanno distrutto quel po di pazienza che ho imparato ad avere. Avrei eseguito un bel sell di tutte le posizioni long aspettandomi adesso, dopo la notizia ed in accordo con le mie ciclicità di breve, una correzione per un po di tempo. Ed invece solita solfa con il mercato che non spacca, non vuole spaccare, non vuole prendere questi benedetti 2 stop leverage certificate. Bastava poco.

 

Operativamente avevo chiuso i long ENI su una resistenza di AT ed avevo aperto una posizione short su €/$, essendo convinto nel lungo termini di un trend verso la parità. Oggi eravamo a 1.41. Putroppo non si è volati ed allora stanco anche di combattere per profitti da bruscolini (non merito bruscolini merito stipendi) dovuti a numerosità delle posizioni e con investiti troppo modesti, ho deciso per il sell di tutto il portafoglio che nonostante i buoni recuperi di ieri era comunque in minusvalenza, compessivamente.

Il desiderio adesso che riparto dal 100% di liquidità è quello di trade "secchi" su indice, almeno per un certo periodo; anche se il portafoglio ideale è di 10 prodotti finanziari possibilmente decorrelati e differnziati, ritengo che operando long su indice si possa comunque derogare dalla regola, visto che l'indice è comunque un paniere di settori, decorrelati ma al tempo stesso mossi da un trend identico a quello che muoverebbe un portafoglio di titoli a basso investito.

La strategia è lanciare bei bordoni nei prossimi giorni, con stop cortissimi, cercando rimbalzi sulla volatilità del mercato. Con serietà e misura, possibilimente evitando overnight (visto che in questo periodo i grandi movimenti si fanno a sopresa la notte), non serve rischiare troppo quando si può operare "di peso" in intraday. Quindi operatività sui livelli, stop di massimo 100 punti di indice, ed operando sui certificati cercare forsennatamente acquisto in denaro per eliminare problemi da spread. Sell sull'indecisione. Ed da adesso lo short non è più da scartare.

 

posted on: 18:03