Martedi 10/12/2019 ore 09:05:44
Home Corso di Borsa Trade Blog Libro Trading Ways Trading Utility Market Forecast Disclaimer

 

"Peccato..."

 

November, 2010


Peccato...

11 November, 2010

Ho vissuto con eccitazione il close positivo USA di ieri sera e l'opening europeo che sembrava regalare un successo (long) quantomeno come "rimbalzone". Ed in effetti la l'apertura consegnava un segno positivo che si è infranto però su massimo di 21169; persa quota Level 27 (21140) FTSE/MIB è crollato velocemente in circa 2 ore fino al minimo di 20750, senza infatti incontrare supporti di rilevo dal punto di vista metafisico. Quello che dispiace è che è proprio l'Italia a non aver seguito questo mercato fortemente Bull. Un segnale in questo senso c'era dall'altra settimana anche se l'avevo volontariamente trascurato; scrivevo infatti nel commento del WE riferiendomi al ciclo Marte "Il setup della porzione 7/8-8/8 è bull per SP500 e bear per FTSE/MIB quindi l’europa dovrebbe vivere momenti negativi .... per l’europa il close dovrà essere sotto queste quote ma sopra lo start di Giugno per compatibilità con la porzione primaria (2/3-3/3)"

 

Io credo in questo paese nonostante l'oscurantismo degli ultimi anni, frutto della politica e della trasformazione sociale e culturale, ormai popolo di "venditori di ciavatte" e di "inculatori" professionisti. Soprattutto amo questo paese, e sono fiero di essere un Italiano per la storia di questa nazione.

 

Operativamente il mercato è apparso subito fragile: persi i 21080 ho posto subito in freeze lo straddle FTSE/MIB. Equivale ad aver venduto tutto ma con la possibilità di poter prendere il tempo al mercato, vendendo appunto le posizioni short ora in enorme profitto (e quindi come se comprassi long) e cercando un pareggio od una perdita minore sugli sfortunati minilong. Nulla di grave grazie al tempismo in open.

Riacquisto del GAS sul -4%.

Il resto rimane in portafoglio perchè ancora non applicabile di stop loss. Siamo sui valori di fan openin weekly, e peraltro con bassi investiti.

 

Lasciamo adesso tutto il tempo necessario al nostro FTSE/MIB di ritrovare la forza e la dignità di chiamarsi indice Italiano.

 

posted on: 17:59