Domenica 17/10/2021 ore 03:20:48
Home Corso di Borsa Trade Blog Libro Trading Ways Trading Utility Market Forecast Disclaimer

 

"Nuovi minimi FTSEMIB e manca reverse"

 

May, 2012


Nuovi minimi FTSEMIB ma manca reverse

17 May, 2012

guerra sui mercati finanziariIniziamo da una conclusione ossia che dopo aver segnato nuovi minini non c'è alcun segnale di reverse. Una speranza potrebbe venire dal close USA ed in particolare da close S&P500 in positivo che attualmente però viaggia in negativo, dando un indizio di proseguimento bear per quanto legato al setup del terzo mercoledì del mese.

Dal 2007 circa è iniziata la nuova Guerra dell'asse America-Cina, che come tutte le guerre è finalizzata alla conquista di terre e che provoca morte e distruzione. Nel mirino attuale, oltre le maginifiche isole della Grecia ed ai porti del mediterraneo che fanno gola ai musi gialli del cazzo, c'è anche il Portogallo per i suoi sbocchi in Occidente e la cara Italia come punto di ingresso nell'europa centrale. Nacque tutto da un problema di mutui subprime ma ad oggi, dopo 5 lunghi anni che abbiamo seguito assieme su questo sito, lo scenario è molto più chiaro (lo era da un anno circa). Nemmeno il ritorno ai minimi del 2009 ha generato un pattern inversivo sul nostro mercato. In questo scenario è davvero difficile prevedere dove e quando si formeranno i minimi, anche se i nostri Gann Level ed il nostro Gann Square ci aiuteranno a formulare delle ipotesi di level (dove essere stati traditi a marzo da un interruzione di camminamento sulla diagonale discendente del Gann Square). In questo scenario più la gente compra più i broker si accaniscono a shortare e quindi siamo appesi alla rinuncia del buy, al terrore del long, per poter sperare di avere un rimbalzo sui mercati od addirittura la formazione del minimo storico assoluto, perchè sappiamo bene che questo pattern bear sarà l'ultimo. Europa, euro e politiche comunitarie che possano sopravvivere o meno.

 

Per l'operatività di trading oggi abbiamo avuto tempo per quale operazione. Abbiamo iniziato con il sell di 6000 pezzi Natural Gas, circa 1/3 delle nostre posizioni, a 0.095 con un PMC di 0.104. L'apprezzamento da 0.07 circa è stato notevole portando a ricopertura di pattern short su diversi timeframe (sul future WTI) e quindi ben fatto, anche se contabilizziamo una minusvalenza, visto che il close sui dati delle scorte è negativo. Il motivo del sell è stata essenzialmente la necessità di liquidità, derogando almeno un pò dal fatto che a casa nostra non si vendono le posizioni in perdita. Non amiamo il trading con gli stop loss del cazzo.

Poi abbiamo provato a metterci long, vendendo in profitto il sovrappeso short sullo straddle FTSE/MIB, dopo il ritorno over 13000, individuando pattern inversivo di breve termine. Però poi, non vendendo prosecuzione, abbiamo ricomprato pezzi short per avere un sovrappeso relativo verso il nostro più alto minilong, candidato a morire presto, con uno stato di long:short 5:1 verso tale minilong e di 1:1.5 in posizioni straddle complessive. Siamo long nei fatti. Abbiamo usato il nuovo certificato short che è entrato in negoziazione solo a metà mattinata. In sostanza abbiamo provato a girarci ma poi ci siamo messi le mutande di latta almeno per movimenti ribassisti entro i 600 punti di indice.

Sempre in tarda mattinata eseguito ingresso su MedioBanca. Ci mancava questa banca nel portafoglio ed adesso ce le abbiamo quasi tutte ! Pochi pezzi che al close viaggiano in positivo, fatto quindi un prigioniero.  Combattiamo la nostra guerra con le armi che abbiamo. Non venderemo mai i nostri pezzi in perdita.

 

posted on: 17:52